magnetiche ossessioni galoppanti
nel sole nero sgozzato in
un mare di vetro spingono la
vela rattrappita della memoria
fuori dall’arca giù giù
nell’abisso algebrico di
segni sfilacciati nella
polvere mutante di un profetico
deterioramento