Nell’attuale multimedialità la Poesia elabora, lucidi pensieri, liberati da eccessi soffocanti la Natura, la Vita e diviene meta-poesia di un progetto declinato nel reality world

01-poesia-panareo

 

La società contemporanea  è caratterizzata da un agire che sobbalza tra incertezze e

indifferenza sociale, il suo sistema orbita nell’illusoria coesione sociale, che di fatto

si traduce in dominante pluralità propagandata dai social network. L’iconico senso

 dell’esistenza sembra appartato tra grigi blocchi di cemento e gusci di fumi che

 nascondono paesaggi e memorie,  all’insegna di una civiltà impegnata a celebrare

l’arte di essere protagonisti senza anima, trasformando l’essenzialità in un concept

subordinato a un progressivo urto politico disgregante valori e verità universali.

Anche la poesia sembra essere condannata sullo sfondo di un volto-mondo impoetico

e incapace di sottrarsi alla dimenticanza.

Il cammino umano è però inarrestabile e la Poesia continua a espandersi in quella voglia

di dolcezza capace di farci emozionare e raccontarci liberi dalla sottrazione opaca delle

 nostre esistenze.

La poesia preme perciò l’interno bisogno del poeta non sottraendolo alla ricerca del vero,

nell’unità che muove costantemente dall’IO all’ALTRO cioè dal SOGGETTO al MONDO in

un vincolo resistente al tempo e svincolato all’arbitrio legato a un “dire” legittimato dal

 potere e nella negazione di un autentico progetto umano.

(continua Vdg)

 

 

 

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.